Lo conobbi circa un anno fa e da allora parliamo tutti i giorni.
Tutto ciò che si può fare quando ci sono dei chilometri di troppo.
E non sono 1000 messaggi, non servono.
Lui in California, io in Italia.
Non gli ho mai detto "I love you" e non voglio dirglielo dietro un cellulare. Voglio sussurrarlo guardandolo negli occhi o magari urlarlo ai quattro venti.
Voglio annegare in quegli occhi verde acqua, dalle mille onde, per poi non risalire più a galla.
E non lo so, nonostante tutto, mi sento la ragazza più fortunata del mondo, per aver incontrato lui, per avere lui.
Lui che giorno per giorno, seppur da lontano, mi dimostra tutto e quanto sia bello il mondo.

Con lui non mi preoccupo se un messaggio arriva in ritardo, perché so che arriverà.
Mi fido.
Con lui è così. Con lui non mi preoccupo. Mi fido, nonostante quegli infiniti chilometri.
Solo un altro anno.

But I promise that next year my eyes meet Shay's eyes.

Tra di noi l'amore e il mare.
Tra di noi.
me and you.
© punticardinali
"Non diventare una frase fatta, perché sei poesia.”
— Dal film 28 giorni. (via juliasfreeuniverse)
"Che poi certe persone ti entrano fin sotto la pelle, dentro le ossa, e non sai se sei più loro o tu.
Non sai chi ami di più, probabilmente prima loro, dopo forse tu.”
Serena Di CaprioPetali Di Me. (via petalidime)

Dopo, forse tu.

(via giiulie)

punticardinali:

Vorrei vederli da vicino quegli occhi, per notare tutte quelle sfumature che in foto non si vedono.

-punticardinali

punticardinali:

"Il mondo non è una fabbrica esaudimento desideri…"

John Green - Colpa delle stelle

punticardinali:

Quando si tratta di un amore a distanza;
l’amore non ci lega le teste, ma i cuori.

-punticardinali

"Il problema non è il primo giorno di scuola, ma i 270 giorni successivi.”

(via whodoyouwantobe)

Esatto.

(via sognidistruttidamillebugie)

Ahia.

(via unmondofattodilibri)

"Quando uno è arrabbiato dice cose che spesso non pensa. È una reazione spontanea, è nell’indole di ogni uomo. Quando uno è arrabbiato cerca le frasi che possono il più possibile ferire la persona a cui sono dirette. Ma in realtà, a conti fatti, a litigio terminato, sta più male la persona che ha ricevuto quelle frecce avvelenate o colui che le ha scagliate?”
— L. N. Seneca  (via ragazzacidamadolce)
©
>